Sponsor

Cos'è uno sponsor?

Ogni straniero che intende entrare a Dubai, sia per periodi brevi sia per lunghi soggiorni, che si tratti di una vacanza o di un trasferimento a scopo lavorativo, deve trovare uno sponsor locale.

Sponsor

Mentre nel mondo occidentale la parola “sponsor” sta ad indicare la consuetudine di privati cittadini o di aziende di pagare per vedere il proprio nome o marchio associato ad eventi culturali o sportivi, nel Golfo ha acquisito un significato abbastanza diverso: uno sponsor è una sorta di guardiano e garante allo stesso tempo, si occupa della parte amministrativa e prepara le carte e i documenti necessari per l'ingresso del cittadino straniero a Dubai ( inoltra la domanda per il visto di residenza o per il permesso di lavoro, apre un conto in banca, firma un contratto d'affitto). Lo sponsor può essere un privato cittadino, un'azienda o un'istituzione. Nel caso in cui lo straniero si rechi a Dubai per motivi di lavoro, lo sponsor è generalmente rappresentato dal datore, mentre per quanto riguarda i turisti, è generalmente un socio d'affari o l'hotel in cui soggiorna a sponsorizzare lo straniero. Coloro che intendono aprire un'attività propria dovrebbero effettuare previamente delle ricerche sul mercato del lavoro a Dubai, trovare dei contatti, e un privato cittadino o un'azienda che godano di buona reputazione e che vanti una certa esperienza in un determinato campo disposto a fare loro da sponsor. Agli sponsor viene generalmente pagata una commissione.

Un privato cittadino, per poter sponsorizzare uno straniero, deve possedere un visto di residenza per Dubai e avere un reddito minimo di 4.000AED. Dal giugno 2009, dopo varie negoziazioni, il reddito minimo è salito a10.000AED al mese ma questo cambiamento, non è ancora stato reso effettivo.

Il sistema di sponsorizzazione è un metodo efficace per tenere sotto controllo il flusso migratorio. Dato che lo sponsor si assume tutte le responsabilità riguardo il comportamento dello straniero e “ci rimette” in prima persona (anche la faccia) se questo assume comportamenti inadeguati o infrange qualsiasi norma, si assicurerà di avere a che fare con una persona affidabile e che non corra il rischio di contravvenire inavvertitamente alle regole. Proprio per questo lo sponsor deve essere visto come un'importante fonte d'informazione e d'aiuto, nonché un valido alleato. Non è necessario procurarsi uno sponsor solo nel caso in cui le straniero intenda aprire un'attività nella zona di libero scambio.

Mentre nel mondo occidentale la parola “sponsor” sta ad indicare la consuetudine di privati cittadini o di aziende di pagare per vedere il proprio nome o marchio associato ad eventi culturali o sportivi, nel Golfo ha acquisito un significato abbastanza diverso: uno sponsor è una sorta di guardiano e garante allo stesso tempo, si occupa della parte amministrativa e prepara le carte e i documenti necessari per l'ingresso del cittadino straniero a Dubai ( inoltra la domanda per il visto di residenza o per il permesso di lavoro, apre un conto in banca, firma un contratto d'affitto). Lo sponsor può essere un privato cittadino, un'azienda o un'istituzione. Nel caso in cui lo straniero si rechi a Dubai per motivi di lavoro, lo sponsor è generalmente rappresentato dal datore, mentre per quanto riguarda i turisti, è generalmente un socio d'affari o l'hotel in cui soggiorna a sponsorizzare lo straniero. Coloro che intendono aprire un'attività propria dovrebbero effettuare previamente delle ricerche sul mercato del lavoro a Dubai, trovare dei contatti, e un privato cittadino o un'azienda che godano di buona reputazione e che vanti una certa esperienza in un determinato campo disposto a fare loro da sponsor. Agli sponsor viene generalmente pagata una commissione.

Un privato cittadino, per poter sponsorizzare uno straniero, deve possedere un visto di residenza per Dubai e avere un reddito minimo di 4.000AED. Dal giugno 2009, dopo varie negoziazioni, il reddito minimo è salito a10.000AED al mese ma questo cambiamento, non è ancora stato reso effettivo.

Il sistema di sponsorizzazione è un metodo efficace per tenere sotto controllo il flusso migratorio. Dato che lo sponsor si assume tutte le responsabilità riguardo il comportamento dello straniero e “ci rimette” in prima persona (anche la faccia) se questo assume comportamenti inadeguati o infrange qualsiasi norma, si assicurerà di avere a che fare con una persona affidabile e che non corra il rischio di contravvenire inavvertitamente alle regole. Proprio per questo lo sponsor deve essere visto come un'importante fonte d'informazione e d'aiuto, nonché un valido alleato. Non è necessario procurarsi uno sponsor solo nel caso in cui le straniero intenda aprire un'attività nella zona di libero scambio.

Ulteriori letture

Quest'articolo è stato d'aiuto?

Vuoi mandarci commenti, suggerimenti o domande su questo tema? Scrivici qui: